Scopri / Ecomuseo

Ghiacciaia della Madonnina

Custode silenziosa delle storie e delle fatiche dei ghiacciaioli

Pistoia

 

Home / scopri / Pistoia / Ghiacciaia della Madonnina

Scopri
Natura
Dove
Via Modenese - Pistoia, località Le Piastre
Web
Da non perdere
Una delle poche ghiacciaie rimaste intatte sulla Montagna Pistoiese

La Ghiacciaia della Madonnina sorge imponente lungo la strada granducale in località Le Piastre ed è inserita nell'Itinerario del Ghiaccio dell'Ecomuseo della Montagna Pistoiese.

La Ghiacciaia della Madonnina è testimone di una delle attività più importanti, che hanno caratterizzato l’economia della Montagna Pistoiese fino agli inizi del secolo scorso: la produzione del ghiaccio naturale.

Nata a partire dalla fine del Settecento, questa attività protoindustriale ha interessato tutta la Valle del Reno, tra gli abitati di Le Piastre e Pracchia, costituendo una realtà unica in Italia per dimensioni qualitative e quantitative.
Ciò che ha permesso lo sviluppo della produzione del ghiaccio è stata la disponibilità di fattori naturali, l’acqua del fiume e il freddo dell’inverno – materie prime di casa sulla Montagna Pistoiese – sapientemente combinati con il duro lavoro e l’ingegno dell’uomo.
Il ghiaccio naturale, fabbricato e immagazzinato in grossi blocchi tra novembre e febbraio, veniva conservato nelle ghiacciaie fino al momento della richiesta e poi trasportato nelle principali città della Toscana e del Lazio, per essere utilizzato per il mantenimento degli alimenti e per scopi sanitari.

La Ghiacciaia della Madonnina fa parte dell’Itinerario del Ghiaccio dell’Ecomuseo della Montagna Pistoiese e si raggiunge percorrendo un piacevole sentiero che si snoda lungo il fiume Reno.
È una particolare struttura a forma tronco-conica e tetto in paglia ed è l’unico complesso ancora visibile, dei circa settanta presenti nella Valle del Ghiaccio.

Briglie, calle, gore, realizzate per deviare le acque del fiume Reno, e il lago per farle congelare, permettono di scoprire in dettaglio i modi di produzione del ghiaccio, in uno splendido quadro naturalistico.
All’interno dell’edificio sono state collocate alcune sculture di Leonardo Begliomini dedicate ai ghiacciaioli che, nell’atmosfera creata dalle musiche di Maurizio Geri, contribuiscono a vivere un’esperienza storico-culturale, per immedesimarsi nell’ambiente di vita e di lavoro della popolazione montana e mantenere vivo il ricordo di un mestiere ancora profondamente radicato nella memoria delle genti dell’Appennino.

Per info: www.ecomuseopt.it

Eventi